Terribile incidente stradale: pilota motociclistico vivo per miracolo

Il pilota turco del Mondiale Supersport Can Oncu è stato vittima di un terribile incidente stradale, ma non è in pericolo di vita

L'incidente stradale di Can Oncu
L’incidente stradale di Can Oncu (Foto Instagram/Puccetti Racing)

L’ha scampata veramente bella Can Oncu, pilota turco ingaggiato dal team Puccetti per guidare la Kawasaki nella prossima stagione del Mondiale Supersport. Mentre stava viaggiando nella sua Turchia per raggiungere la struttura di allenamento del suo connazionale e cinque volte iridato Kenan Sofuoglu, infatti, Oncu è stato coinvolto in un terribile incidente stradale.

Il furgone a bordo del quale viaggiava è rimasto completamente distrutto e il pilota motociclistico è stato ricoverato in ospedale per sottoporsi ai necessari esami di accertamento sulle sue condizioni fisiche. Ma, nonostante le immagini dello schianto, pubblicate dalla sua stessa scuderia sul suo profilo ufficiale di Instagram, siano davvero inquietanti, per fortuna Oncu non è in pericolo di vita.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Kawasaki Puccetti Racing (@puccettiracing)

Come sta Can Oncu dopo l’incidente

Addirittura il 17enne se la sarebbe cavata senza nemmeno una frattura, e avrebbe riportato solamente alcune ferite agli arti superiori. Si attendono nelle prossime ore ulteriori notizie riguardo al suo stato di salute, oltre che alla dinamica dello stesso incidente, che è tuttora al vaglio delle autorità competenti. Di certo si può tirare un sospiro di sollievo per Can, dopo la grande paura.

Oncu, dall’anno scorso impegnato nel Mondiale Supersport, dove ha ottenuto il dodicesimo posto in classifica generale e una sesta posizione come miglior risultato in gara, vanta nel suo palmares una vittoria nel Motomondiale, ottenuta al suo esordio assoluto nella classe Moto3, nel Gran Premio di Valencia 2018. Questo trionfo lo ha reso il primo pilota turco a vincere una gara iridata nelle due ruote, oltre al pilota più giovane di sempre a salire sul gradino alto del podio, all’età di 15 anni e 115 giorni.

Can Oncu
Can Oncu (Foto Mirco Lazzari gp/Getty Images)