Maverick Vinales: aspetti positivi e negativi secondo Lin Jarvis

Maverick Vinales non ha ancora espresso il suo vero potenziale. Lati positivi e negativi del pilota di Figueres raccontati da Lin Jarvis.

Maverick Vinales
Maverick Vinales (getty images)

Yamaha non ha esitato a rinnovare la fiducia a Maverick Vinales, un pilota dall’alto potenziale che ancora non è riuscito ad esprimersi al meglio per via di qualche problema alla M1. Entrato nelle grazie di Iwata nel 2017, vincendo tre GP nelle prime cinque gare, chiuse al terzo posto alle spalle di Marc Marquez e Andrea Dovizioso. Nel 2018 ha concluso 4°, l’anno successivo ancora 3°, fino al 6° posto del 2020.

Veloce nei test invernali e sul giro secco, gli è mancato qualcosa in gara, specie in termini di grip al posteriore, lasciando il ruolo di miglior pilota del marchio a Franco Morbidelli. Yamaha è al lavoro per tentare di risolvere i problemi, comuni anche ai colleghi Fabio Quartararo e Valentino Rossi. “Ti preoccupi sempre quando vedi i piloti che attraversano momenti difficili”, ha detto Lin Jarvis, amministratore delegato di Yamaha Motor Racing. “Nel caso di Maverick, direi che ha i suoi punti di forza e le sue debolezze. La sua forza è che anche quando è giù e depresso, può continuare ad allenarsi immensamente motivato, continuare a spingere, continuare a combattere – e poi tornare a il vertice. La sua debolezza è che è troppo facilmente coinvolto in una spirale negativa”.

Si è fatto seguire da uno psicologo dello sport per imparare a domare gli alti e bassi motivazionali, riuscendo a progredire sotto questo aspetto. Con l’arrivo del nuovo capotecnico Esteban Garcia ha fatto ulteriori passi avanti. “Certo, Ramon Forcada ha una vasta conoscenza, enormi capacità tecniche e molta esperienza. Ma il punto debole di Ramon è la comunicazione personale. Inoltre, ha quasi 40 anni in più di Maverick. Quindi c’era un enorme divario generazionale e una chiara differenza di età. Da un lato, Esteban Garcia è più giovane e dall’altro ha un approccio diverso al pilota, un approccio più umano. Il suo arrivo in squadra si è sicuramente rivelato un vantaggio per Maverick”.

Leggi anche -> MotoGP, Jorge Lorenzo: anticipazioni sul suo futuro

Maverick Vinales
Maverick Vinales (getty images)