Ducati, primo test a gennaio: Pirro e Rinaldi sul circuito del Levante

Ducati terrà una giornata di test in provincia di Bari il 10 gennaio. In pista andranno Michael Rinaldi e Michele Pirro.

Michele Pirro
Michele Pirro (getty images)

Ducati sarà tra i primi costruttori a scendere in pista nel 2021. Il 10 gennaio Michele Pirro e Michael Rinaldi terranno una giornata di test sul circuito del Levante, a Binetto, in provincia di Bari. Ad annunciarlo è lo steso autodromo pugliese sulla sua pagina Facebook, precisando che le attività si svolgeranno a porte chiuse, lontano dagli occhi del pubblico.

Nonostante le foto dei due italiani con la Panigale V4 S illustrino questo annuncio, non è specificato chi guiderà cosa. A differenza dei piloti ufficiali o dei team satelliti, i collaudatori non sono soggetti ad alcuna pausa invernale. Per questo Michele Pirro potrebbe correre tanto su una Panigale V4S quanto su una Desmosedici GP21. L’unica limitazione riguarda le gomme a disposizione: 240 sono i pneumatici disponibili per tutti i test privati ​​di Ducati Corse nell’arco di un anno. Nel regolamento ci sono anche altre limitazioni, come ad esempio il numero di circuiti utilizzati (un massimo di tre, designati in anticipo) o le date delle prove su un circuito prima dell’evento in questione, ma questo non si applica in questo caso.

Per quanto riguarda Michael Rinaldi, la situazione è diversa poiché non è un collaudatore ma un pilota ufficiale del team ufficiale, che rappresenta il costruttore di Borgo Panigale in Superbike. I piloti di questa categoria non sono soggetti alla stessa pausa invernale dei loro omologhi MotoGP: gli atleti del WorldSBK e della Supersport devono fermarsi dal 21 dicembre al 4 gennaio, solo 2 settimane contro i 2 mesi in MotoGP. In conclusione il 10 gennaio Michael Rinaldi potrà quindi girare su una Panigale V4S e Michele Pirro potrà provare quello che vuole. A patto che il tempo sia clemente, dato che in questi giorni le temperature sono molto basse e la pioggia non lascia scampo.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Michael Rinaldi (@michaelrinaldi21)