Simone Battistella: “Nessun contatto tra Honda e Dovizioso”

Andrea Dovizioso e Honda non hanno avviato nessun dialogo. L’ipotesi del forlivese in sella alla RC213V sembra un sogno destinato a non avverarsi.

Andrea Dovizioso
Andrea Dovizioso (getty images)

Nessuno conosce quanto lunga sarà la riabilitazione di Marc Marquez e se occorrerà un quarto intervento all’omero destro. Entro gennaio bisognerà avere le idee più chiare, specie in casa Repsol Honda, per decidere se nominare un sostituto. Da tempo si parla di un possibile approdo di Andrea Dovizioso in sella alla RC213V ma, a detta del suo manager Simone Battistella, al momento non c’è stato nessun contatto.

I vertici dell’Ala dorata vogliono capire bene la situazione del proprio campione e possibilmente cercare di ottenere una terza moto, così da fare spazio al forlivese e consentire a Marc Marquez di tornare in pista quando sarà al top della forma. Ma Carmelo Ezpeleta ha scartato questa ipotesi. L’ultima comunicazione ufficiale della Honda in merito alla salute del suo pilota risale al 13 dicembre, quando HRC ha confermato il ritorno a casa di Marc dopo dieci giorni di ricovero in ospedale, “proseguendo a casa con il recupero,” dove seguirà uno specifico trattamento antibiotico”.

Leggi anche -> MotoGP, Test Sepang a febbraio: via libera o piano B

Alcuni parlano di sei mesi di stop, altri persino di un anno qualora sia stato toccato il nervo radiale. Fatto sta che ad oggi non c’è una vera trattativa in corso fra HRC e Andrea Dovizioso. “Finora no non abbiamo avuto contatti. Penso che la Honda voglia valutare bene le condizioni di Marc prima di prendere una decisione. Andrea non è interessato a fare qualche gara per tenere caldo il sedile di Marquez”, ha commentato Simone Battistella in un’intervista al ‘Corriere della Sera’.

Simone Battistella
Simone Battistella (getty images)