MotoGP, KTM prepara la sfida alle sospensioni Ohlins

Pit Beirer orgoglioso del salto in avanti compiuto dalla KTM RC16 nella stagione MotoGP 2020. Le sospensioni WP promettono di fare concorrenza alla Ohlins.

Pit Beirer
Pit Beirer (getty images)

KTM ha compiuto un’autentica svolta nel 2020 grazie alla conquista di tre vittorie e tre pole position. La casa austriaca può vantare di non aver mai copiato i contendenti giapponesi, grazie al telaio tubolare e alle sospensioni WP di produzione interna, una vera e propria scommessa che ha fatto un certo scalpore. “Nessuno può biasimarci per aver copiato qualche concetto nella classe MotoGP”, ha detto il direttore del Motorsport Pit Beirer a Speedweek.com.

Ragiona da imprenditore vincente Pit Beirer, non solo a livello sportivo, ma anche industriale. “Siamo una casa motociclistica, costruiamo tutto internamente e siamo orgogliosi dei nostri sviluppi. Se copi, non raggiungerai mai il massimo in nessuno sport o classe. Questo può essere visto anche in altri settori industriali in tutto il mondo. Se non sei innovativo, ma imiti solo la concorrenza, sei sempre secondo o terzo. Devi avere il coraggio di fare i tuoi passi di sviluppo. Certo, è sempre il modo più difficile e arduo perché non hai niente di simile. Ma quando inizi a vincere le gare con il tuo sviluppo, diventa difficile per i concorrenti copiare la tua tecnica. Il nostro telaio e le nostre sospensioni non possono essere riprodotti facilmente. Il know-how associato si trova a Munderfing”.

Sospensioni WP per altri team

Lo sviluppo del prototipo RC16 porta ovviamente percussioni anche sul mercato, sui modelli di serie inimitabili, offrendo un prodotto inedito e ambito. Il famoso produttore svedese di sospensioni Öhlins ha vinto tutti i titoli mondiali nella classe MotoGP da quando Casey Stoner ha trionfato nel Campionato del Mondo 2007 su Ducati. A Brno, con la vittoria di Brad Binder, per la prima volta hanno trionfato le sospensioni WP. Tant’è che qualcuno ha iniziato a interessarsi. “Abbiamo sicuramente ricevuto la prima richiesta da un concorrente della MotoGP il lunedì dopo Brno riguardo le prove speciali”, rivela Pit Beirer. “Ma allora non avevamo il tempo di affrontare seriamente questa richiesta”, aggiunge con un sorriso. “Al momento ci piace usare il materiale WP per noi stessi. Anche se la gente non lo vuole più sentire: dopo quattro anni nella classe quattro tempi della MotoGP, siamo ancora molto giovani rispetto ai nostri concorrenti, la maggior parte di loro sono con noi dal 2002 o 2003. Attualmente stiamo costruendo qualcosa in questa categoria. Non appena il progetto MotoGP per noi si sarà stabilizzato” e saremo “finalmente arrivati ​​al vertice e ci resteremo, discuteremo di nuovo questo argomento. Ovviamente allora offriremo prodotti WP. Potremmo discutere di un secondo team di clienti MotoGP per il 2022”.

Brad Binder
Brad Binder (getty images)