Mir: “Dobbiamo migliorare se vogliamo battere Marquez”

Joan Mir è convinto che se vogliono battere anche Marc Marquez nel 2021 dovranno migliorare nelle prestazioni, soprattutto sul giro secco.

Joan Mir (Getty Images)
Joan Mir (Getty Images)

Durante questa stagione, Joan Mir ha colpito tutti con la sua costanza di rendimento che lo ha portato alla fine a vincere il titolo iridato. Lo spagnolo a questo punto è il favorito numero per il 2021, anche se nel prossimo campionato dovrà vedersela con un avversario in più: quel Marc Marquez che ha dominato in MotoGP negli ultimi 10 anni.

Il rider della Suzuki, durante una lunga intervista rilasciata a “Mundo Deportivo” ha così dichiarato: “Ho fatto tanti sacrifici. Ricordo quando ero bambino che i miei amici andavano alle feste di compleanno e io no perché dovevo allenarmi. Ora però non mi manca niente, anzi penso di vivere una vita più intensa di alcuni miei amici. La pressione da un lato toglie e dall’altro dà. Io sono più tranquillo perché ho già vinto il titolo, ma allo stesso tempo ho la pressione di essere ora uno dei favoriti”.

Mir: “Abbiamo ampi margini di miglioramento”

Joan Mir ha poi parlato della pressione che dovrà sorreggere nella prossima annata: “Il titolo vinto mi dà maggiore fiducia, ma per combattere contro il pacchetto HondaMarquez dobbiamo migliorare in velocità e crescere nelle qualifiche. Dobbiamo vincere più gare. I tifosi ti mancano soprattutto quando le cose vanno bene per te. Spero che presto torni tutto alla normalità”.

Il rider iberico ha infine così concluso: “Quando ho firmato il rinnovo non pensavo di vincere nel 2020 onestamente. Abbiamo deciso di rinnovare così presto perché credevamo che avremmo potuto vincere in MotoGP, ma non così presto. Questo però è positivo perché vuol dire che abbiamo ampi margini di miglioramento. Mi attrae poter avere l’1 sul cupolino. Non so ancora cosa farò, ma la scelta è solo mia. Nel 2021 ci saranno per il titolo Marquez, Morbidelli, Rins, Fabio, Maverick e io”.

Antonio Russo

Joan Mir in pista con la Suzuki (Getty Images)
Joan Mir in pista con la Suzuki (Getty Images)