La Williams sceglie il nuovo boss. È un ex McLaren

La Williams ha scelto il suo nuovo CEO. Si tratta di un ex dirigente McLaren del secondo periodo Alonso.

Williams (©Getty Images)

Gli amanti dell’automobilismo tout-court lo conoscono bene. Jost Capito, in gioventù pilota di enduro, si è costruito il nome nel WRC rendendo la Volkswagen, appena entrata ufficialmente nel campionato nel 2013, una macchina da guerra. Quattro mondiali di fila con Sébastien Ogier fino al ritiro del marchio stesso. Un risultato storico, senza precedenti, che in un attimo lo ha trasformato nel manager più in vista e vincente del panorama sportivo. Per questo la McLaren, optò per puntare su di lui nell’anno del ritorno in squadra di Fernando Alonso e del motorista Honda. Il suo ruolo però è sempre stato sconosciuto e la presenza durante i GP rara e silenziosa. Alla fine la collaborazione con Woking durò meno di una stagione, ma nessuno se ne accorse.

Assente da allora dai palcoscenici che contano, il dirigente tedesco si era affidato alla piattaforma Linkedin per rimettersi sul mercato, un grido d’aiuto ascoltato dalla Williams, che lo ha promosso a CEO. “E’ un grande onore per me unirmi alla squadra in questi momenti così emozionanti e impegnativi”, ha dichiarato il 62enne.

“E’ una persona esperta e competitiva, che ha dato vita a scuderie di successo. Sa cosa significa il nostro team e sono certo che lavorerà al meglio con noi, per perseguire l’obiettivo di tornare nelle posizioni di vertice”, il commento del responsabile della Dorilton Capital e presidente dell’equipe di Grove Matthew Savage.

Scivolata sempre più indietro sullo schieramento, l’equipe britannica ha per diverso tempo lottato con problemi finanziari, arginati grazie all’ingaggio di piloti con la valigia. Il Coronavirus però ha acuito la crisi, fino all’obbligo di vendita per evitare il fallimento.

In giornata è stato nominato anche il nuovo team principal, ovvero Simon Roberts.

Jost Capito (©Williams Official)

Chiara Rainis