Silverstone omaggia Hamilton dedicandogli il rettilineo principale

In attesa dell’elezione a Sir da parte della Regina, Hamilton si deve “accontentare” dello speciale omaggio del circuito di Silverstone.

Lewis Hamilton (©Getty Images)

Dall’anno prossimo quando la F1 tornerà a correre sul celebre tracciato delle Midlands Orientali troverà un cambiamento importante. Il rettilineo principale, oggi noto come International Pit Straight in quanto appunto affacciato sulla corsia box, avrà un nome diverso, ovvero Hamilton Straight.

Silverstone ha voluto così celebrare il settimo titolo iridato conquistato dal 35enne di Stevenage, un risultato storico che lo ho ha portato a raggiungere il record, per molto tempo considerato una chimera, detenuto da Michael Schumacher,  ma altresì i sei successi nel GP di casa. “E’ la prima volta nella storia dell’impianto che una sezione della pista viene dedicata ad una persona”, il commento di David Coulthard, Presidente della BRDC, l’associazione dei piloti britannici. “Alla luce dei traguardi ottenuti ci è sembrata l’azione più opportuna da fare per rendergli il giusto merito”.

Wolff nega che Bottas sia un caso

Mentre Ham viene esaltato e celebrato per quanto raccolto dal 2014 in avanti, il suo compagno di squadra Valtteri sta passando un brutto quarto d’ora. Psicologicamente affondato dal dominio del #44, il finlandese ha subito un altro colpo in questa travagliata stagione: il confronto con il giovane George Russell, salito sulla W11 in occasione del round di Sakhir e subito apparso più in palla di lui. Una défaillance, quella del Bahrain, che lo ha posto al centro di numerose critiche, nonché di voci su un suo prossimo appiedamento. “Vi possono confermare che sarà ancora in Mercedes nel 2021. Io sono fedele ai piloti”, ha assicurato il boss delle Frecce Nere Toto Wolff.

“Ha vinto la prima gara in Austria ed è stato più volte in pole position. Avrebbe potuto vincere di più non fosse stato per le bandiere rosse o le forature. In situazioni del genere, è facile perdere la fiducia”, ha chiosato il manager austriaco, giustificando il biondo per le sue prestazioni altalenanti.

Lewis Hamilton e Valtteri Bottas (©Getty Images)

Chiara Rainis