“Binotto mi chiamò per licenziarmi. E io…”: il racconto di Sebastian Vettel

Sebastian Vettel racconta la famigerata telefonata di maggio con la quale il team principal Mattia Binotto gli comunicava l’addio alla Ferrari

Sebastian Vettel
Sebastian Vettel (Foto Ferrari)

Ora che si avvicina il momento del suo ultimo Gran Premio al volante di una Ferrari, previsto la prossima settimana ad Abu Dhabi, Sebastian Vettel riavvolge il nastro. E torna a quel giorno di maggio, nel pieno della prima ondata del coronavirus, quando ricevette una telefonata dal suo team principal Mattia Binotto, che gli comunicava la decisione shock di non rinnovargli il contratto per sostituirlo con Carlos Sainz nella prossima stagione.

“Non me lo aspettavo”, ha dichiarato il quattro volte campione del mondo ai microfoni del quotidiano sportivo francese L’Equipe. “Parlerei più di confusione che di dispiacere. Fino a quella telefonata stavamo parlando di rinnovo. Mi sarebbe solo piaciuto poter discutere un po’ dell’argomento, poterlo sollevare prima”.

Vettel: “Ci ho messo molto ad accettarlo”

Molti osservatori ritengono che la Ferrari abbia semplicemente riconosciuto la necessità di archiviare l’epoca Vettel per affidare il suo avvenire all’impressionante giovane Charles Leclerc. “In linea di principio comprendo che il team debba guardare avanti”, ha ammesso il 33enne tedesco. “Anche io devo fare lo stesso, ma il risultato è stato che questa mossa ha cambiato la stagione, perché fin dall’inizio tutti sapevano che non avrei più fatto parte del futuro della Ferrari”.

E infatti la stagione si è rivelata dura per lui, che raramente è riuscito a tenere il passo del Piccolo principe sulla deludente vettura 2020. “Alla fine non cambia nulla”, spiega Seb. “Ho accettato la decisione. Quando Mattia mi chiamò, capii dal suono della sua voce che nulla di ciò che avrei potuto dire lo avrebbe convinto. Ci ho messo molto tempo a digerirlo e a capire cosa fare dopo. Non mi vedo a correre in F1 fino a 40 anni, ma penso di avere ancora qualcosa da offrire, oltre a tutto quello che ho già vinto in questo sport”.

Sebastian Vettel
Sebastian Vettel (Foto Ferrari)