Sarà Mick Schumacher a sostituire Grosjean al GP di Abu Dhabi?

Se Romain Grosjean non potrà correre il Gran Premio finale della stagione ad Abu Dhabi, potrebbe sostituirlo Mick Schumacher

Mick Schumacher alla Haas
Mick Schumacher alla Haas (Foto dal profilo Twitter ufficiale di Mick Schumacher)

Il debutto di Mick Schumacher in Formula 1 potrebbe arrivare prima del previsto. Il figlio del leggendario sette volte campione del mondo Michael è stato annunciato ufficialmente come pilota titolare della Haas per il 2021, e il team ha diffuso le immagini della preparazione del suo sedile, in vista della sua prevista partecipazione alle prove libere del Gran Premio conclusivo della stagione, la prossima settimana ad Abu Dhabi.

Ma nelle scorse ore si è diffusa un’indiscrezione secondo cui il 21enne tedesco potrebbe addirittura sostituire l’infortunato Romain Grosjean nel finale di campionato. Schumacher non vuole farsi prendere dall’entusiasmo: “La mia partecipazione alle prove libere di Abu Dhabi fu decisa molto prima dell’incidente di Romain”, ha dichiarato al quotidiano sportivo francese L’Equipe.

Schumacher in stand by, ma Grosjean vuole correre

Eppure si dice pronto per scendere in pista, se arrivasse la chiamata: “Voglio solo correre, a prescindere dalla macchina. Avrei a disposizione tre sessioni di prove libere per imparare, ma sarebbe comunque una sfida. Ma decisamente credo che questo mi permetterebbe di conoscere meglio la macchina ed essere ancor più preparato per l’anno prossimo. Se mi considereranno pronto sarà grandioso, io mi sento pronto”.

Grosjean, dal canto suo, ha lasciato l’ospedale mercoledì ed è determinato a disputare ad Abu Dhabi, se le sue condizioni lo consentiranno, quello che sarà con quasi certezza l’ultimo Gran Premio della sua carriera. “Se i medici mi diranno che non sarà possibile, allora lo accetterò”, ha dichiarato alla stampa francese. “Ma ho detto a Marion (sua moglie, ndr) che devo provarci. Devo essere egoista e fare un tentativo. Se la mia mano sinistra non funzionerà la prossima settimana e non riuscirò a fare tutto quello che devo, non mi prenderò il rischio di guidare. Ma sto cercando di riposarmi il più possibile e seguire le raccomandazioni dei medici per guarire”.

La Haas spinge per il ritorno di Romain

Servirebbe un recupero lampo: “Prima di tutto deve sgonfiarsi, perché al momento è molto gonfia”, prosegue Grosjean. “Ci può essere stato un impatto sul legamento del pollice durante lo schianto. Tutta la parte sinistra è stata colpita: ho una slogatura alla caviglia sinistra, il mio ginocchio sinistro è stato colpito e ho dei bei lividi sulla spalla sinistra, sul gluteo sinistro e sull’avanbraccio sinistro. Credo che nemmeno il pollice sinistro sia stato risparmiato. Non solo questa mano è più ustionata, ma il pollice è leggermente slogato. Ma il dolore è abbastanza gestibile, prendendo gli antidolorifici”.

La Haas, dal canto suo, fa il tifo per rimettere in pista il suo titolare transalpino, prima di valutare un eventuale sostituto: “Al momento vogliamo vedere come starà Romain lunedì”, ha spiegato il team principal Guenther Steiner. “Questo è ciò che ho concordato con lui. Non ho nemmeno valutato nessun rimpiazzo. Abbiamo abbastanza piloti in attesa che possono guidare, quindi non mi preoccupa. Prenderemo quella decisione solo quando sapremo al 100% che Romain non potrà guidare. Se potrà concludere in gara il suo periodo alla Haas, invece di seguirla solo da casa, ci piacerebbe”.

Leggi anche —> Grosjean lascia l’ospedale: “Questo incidente mi ha cambiato la vita”

Mick Schumacher sulla Haas
Mick Schumacher sulla Haas (Foto dal profilo Twitter ufficiale di Mick Schumacher)