Superbike 2021, ritorno in Indonesia: manca un tassello

L’Indonesia tra le tappe del calendario Superbike 2021. Il Mondiale ha già corso nel Paese asiatico negli anni Novanta. Manca un dettaglio per la conferma.

mandalika circuit indonesia
Mandalika Circuit (foto WorldSBK)

Nel calendario provvisorio del Mondiale Superbike 2021 è stato inserito anche il round in Indonesia. Dorna spera che il campionato possa correre sul nuovo Mandalika International Street Circuit situato nell’isola di Lombok.

La tappa indonesiana non rappresenterà una novità assoluta per il calendario SBK. Infatti, dal 1994 al 1997 si è gareggiato presso il Sentul International Circuit della città di Bogor (isola di Giava). L’ultimissima vittoria è stata firmata da Carl Fogarty, leggenda Superbike con i suoi quattro titoli mondiali vinti in Ducati.

LEGGI ANCHE -> Superbike, van der Mark carico: “In BMW per vincere il titolo”

SBK in Indonesia: si attende la conferma

Anche se il round in Indonesia è stato inserito nel calendario provvisorio 2021, esso deve ancora essere definitivamente confermato. Infatti, la Superbike potrà correre lì solamente se il Mandalika International Street Circuit riceverà l’omologazione. Solamente dopo questo passaggio, la tappa potrà diventare ufficialmente parte della stagione SBK 2021. Sperando che non sorgano poi problemi legati al Covid-19…

Gregorio Lavilla, Executive Director di Dorna WSBK, ha così commentato il ritorno dell’Indonesia tra gli appuntamenti del Mondiale: “Tutti i team, i piloti, gli sponsor e le Case sono molto entusiasti di andare in Indonesia dato che si tratta di un Paese che ha un pubblico tra i più appassionati al mondo oltre a rappresentare un grande mercato per i costruttori. La nuovissima pista del Mandalika International Street Circuit permette al Campionato di tornare in Indonesia. Siamo molto fiduciosi che grazie a tutti gli sforzi che abbiamo messo in campo potremo arrivare con soddisfazione al termine del processo di omologazione”.

Jonathan Rea, sei volte campione del mondo Superbike, è motivato all’idea di mettersi alla prova su un nuovo tracciato: “L’ingresso dell’Indonesia sarà molto emozionante per i piloti. Per Kawasaki si tratta di un mercato importante. Ci sono stato tante volte, i tifosi indonesiani sono incredibili. Alcuni anni fa ho corso a Giacarta per la presentazione della Ninja 250 e ho guidato anche per le strade della capitale. C’erano tantissimi appassionati che ci seguivano. Sono sicuro che quando arriveremo lì il WorldSBK riceverà una grandissima accoglienza!”.