MotoGP, Brivio: “Mir ha sorpreso, 2020 da sogno per Suzuki”

Davide Brivio si sta ancora godendo il trionfale campionato MotoGP 2020 della Suzuki con la vittoria del Mondiale piloti da parte di Joan Mir.

Davide Brivio
Davide Brivio (Getty Images)

Grande gioia in Suzuki per la conquista del titolo piloti MotoGP 2020. Vent’anni dopo Kenny Roberts jr, è toccato a Joan Mir riportare in trionfo la casa di Hamamatsu.

Ripetersi è sempre complicato, ma il team giapponese nel 2021 proverà a vincere nuovamente. Un’impresa che non sarà facile, soprattutto se Marc Marquez tornerà al 100% della condizione fisica. Salvo sorprese, sarà ancora il pilota Honda l’avversario principale da dover battere.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE -> Valentino Rossi: “Marini e Bastianini saranno subito competitivi”

MotoGP, Brivio commenta il trionfo di Joan Mir

Davide Brivio è tra gli artefici del successo Suzuki in MotoGP nel 2020. Intervistato da Motosprint, il team manager ha commentato positivamente quest’annata trionfale: «Mi sembra di sognare. Questa è una stagione storica, dobbiamo essere orgogliosi di tutto il team e delle persone che lavorano per noi. È un anno da ricordare. A inizio del campionato mi aspettavo Marquez, Dovizioso e Viñales a lottare nelle posizioni davanti con Rins, mentre Joan doveva cominciare a mettersi in luce, a consolidare un po’ le prestazioni. È stato positivamente sorprendente vederlo così regolare».

Mir ha sorpreso, anche all’interno della squadra che comunque ha sempre creduto in lui. Brivio lo elogia per come si è comportato nel 2020 e per le sue qualità anche caratteriali, oltre che strettamente tecniche legate a come guida in pista: «Ha testardaggine sportiva. Lui è uno che vuole arrivare, vuole fare risultati, si arrabbia nel senso sportivo quando le cose non vanno bene. Questo lo porta a migliorarsi sempre di più. Ha grosse aspettative su se stesso, però lavora anche per riuscire a ottenerle, ed è supportato da un grande talento».

Alex Rins e Davide Brivio (Getty Images)
Alex Rins e Davide Brivio (Getty Images)