Aprilia conclude i suoi test: ora resta da fare la scelta tra Smith e Savadori

Nei due giorni di test a Jerez, la Aprilia ha portato al debutto la versione 2021 della RS-GP. Attesa per la decisione della seconda guida

Bradley Smith (getty images)

In mancanza di un test collettivo post-campionato, che quest’anno la MotoGP non ha organizzato, è rimasta solo la Aprilia ad approfittare delle concessioni regolamentari per scendere in pista per due giorni di prove a Jerez de la Frontera, dove ha fatto il suo debutto la prima versione della RS-GP 2021.

Una moto rinnovata nel telaio, nel forcellone in fibra di carbonio e nel motore. A salire in sella sono stati il collaudatore Bradley Smith il lunedì mattina, il titolare Aleix Espargarò nel pomeriggio, e i due tester Smith e Lorenzo Savadori al mercoledì, prima dell’arrivo della pioggia.

Trattandosi di un collaudo privato, svolto a porte chiuse, non sono stati diffusi i tempi della nuova moto, ma i piloti hanno riportato buone sensazioni, senza incontrare particolari problemi, nonostante il propulsore fosse solo nella sua prima evoluzione e quindi non ancora spinto alla massima potenza.

Aprilia al ballottaggio del secondo pilota

Ma l’attesa principale degli osservatori è soprattutto per il ballottaggio tra Bradley Smith e Lorenzo Savadori: entrambi già confermati per il 2021, ma uno di loro sarà promosso a titolare a tempo pieno, mentre l’altro dovrà accontentarsi di rimanere collaudatore, e magari di disputare qualche Gran Premio come wild card (possibilità che tornerà disponibile nel campionato che verrà).

Nei giorni di prove a Jerez sicuramente la Casa di Noale ha raccolto dei dati che torneranno utili per la decisione, anche se il verdetto finale arriverà solo dopo i test pre-campionato del 2021, il primo dei quali è in programma a febbraio a Sepang.

Lorenzo Savadori sulla RS-GP nei test MotoGP di Sepang (Foto Aprilia)
Lorenzo Savadori sulla RS-GP nei test MotoGP di Sepang (Foto Aprilia)