Hamilton non ci sta: “Direbbero che guido un’auto truccata”

Lewis Hamilton non ci sta e attacca chi ancora lo critica poiché guida una macchina obiettivamente superiore alle altre.

Lewis Hamilton e Max Verstappen (Getty Images)
Lewis Hamilton e Max Verstappen si stringono la mano nel parco chiuso (Getty Images)

Lewis Hamilton grazie al Mondiale vinto in questa stagione si è issato al primo posto nella classifica dei driver più titolati di sempre nella storia della F1 alla pari di Michael Schumacher. Nonostante questa ennesima dimostrazione di forza però il britannico continua ed essere sminuito nei suoi successi a causa dello strapotere mostrato dalla vettura che guida.

In un’intervista rilasciata a GQ il pilota inglese ha così affermato: “Sto diventando più forte e non me l’aspettavo. Sto migliorando ed è una bella sensazione. Tutto questo però non arriva senza un duro lavoro, non è un caso. C’è un divario diverso tra le squadre e i piloti. Cercano di svalutare quello che faccio a causa della macchina che ho, quindi senza dubbio mi piacerebbe avere tutti con la stessa vettura”.

Hamilton: “Sto diventando più forte”

Lewis Hamilton ha poi proseguito: “Ho battuto Alonso nel mio primo anno. Avevo 22 anni, ero un rookie, e ho chiuso davanti a lui. Oggi si parla di Verstappen, probabilmente non accadrà mai, ma qualora dovesse succedere e dovessi batterlo direbbero che poi io ho la macchina truccata”.

Infine il britannico ha così concluso: “Le mie capacità stanno migliorando, le mie intuizioni e la mia comprensione della strategia. Sto diventando più forte”. Insomma a quanto pare, giustamente, Lewis sembra decisamente stanco di essere continuamente sminuito nel suo talento a causa della straordinaria vettura che guida. Chissà se in futuro, spinto da queste insinuazioni, non possa decidere di lasciare la casa di Stoccarda per approdare in un nuovo team.

Antonio Russo

Hamilton e Verstappen (Getty Images)
Lewis Hamilton e Max Verstappen si parlano in conferenza (Getty Images)