In Germania Vettel batte Hamilton. È lui il più forte della sua generazione

I sette titoli iridati conquistati da Hamilton non bastano a convincere i tifosi. Per la Germania non è il Lewis il migliore. 

Sebastian Vettel (Getty Images)
Sebastian Vettel (Getty Images)

Il fatto che i suoi tanti successi siano stati sempre ottenuti con un mezzo dominante sta fortemente penalizzando il blasone di Lewis Hamilton. L’asso della Mercedes vince, ma non convince, malgrado molti rappresentati del paddock ne abbiano spesso tessuto le lodi paragonandolo, non solo a livello di numeri, ai vari Schumacher e Senna. La supremazia indisturbata della Frecce oggi Nere dall’inizio dell’era ibrida sta oscurando il valore, innegabile dell’inglese, tanto che in Germania, in una votazione aperta ai fan dedicata al miglior pilota contemporaneo, il 53% ha votato per Sebastian Vettel. Passi che ci possa essere anche stato un po’ di sano nazionalismo ad influenza la scelta, ma è chiaro che anche nell’epoca d’oro della Red Bull, il driver di Heppenheim non ha mai davvero avuto un’autostrada davanti a sé.  Webber è stato certamente più fastidioso di  Bottas per Ham, senza dimenticare gli scontri con Daniel Ricciardo e le lotte con una Ferrari a tratti non all’altezza, fino ai nervi tesi con Charles Leclerc. Per la cronaca Ham ha ottenuto il 31% delle preferenze, seguito da Fernando Alonso e Kimi Raikkonen.

Un’interessante lettura di tale verdetto l’ha fornita Helmut Marko, che Seb lo ha avuto in squadra dal 2008 con la Toro Rosso fino al 2014. “Le auto di Stoccarda non hanno mai avuto rivali dall’introduzione dei V6 e hanno monopolizzato i primi due posti della classifica generale piloti dal 2014 al 2016, poi nel 2019 e probabilmente pure quest’anno”, ha analizzato il talent scout dell’equipe energetica ad Auto Bild. “Quando era nel team con Sebastian Mark chiudeva i mondiali al terzo posto, mentre in due occasioni, nel 2017 e nel 2018, il tedesco ha preceduto Valtteri. Già solo questo dovrebbe far capire la sua classe”, ha infine sentenziato l’austriaco sottolineando le qualità del suo ex pupillo.

Lewis Hamilton e Jenson Button (Foto Bryn Lennon/Getty Images)
Lewis Hamilton e Jenson Button (Foto Bryn Lennon/Getty Images)

Chiara Rainis