Andrea Iannone, arriva l’annuncio a sorpresa: ecco cosa ha deciso

Andrea Iannone ritorna a parlare dopo un lungo silenzio: idee chiare sul suo futuro da pilota dopo la fine della squalifica.

Verso la fine della stagione MotoGP 2019 Andrea Iannone è risultato positivo al drostanolone, una sostanza dopante usata in passato per chi fa bodybuilding. In tutti i modi ha provato a dimostrare la sua innocenza, avanzando la tesi della contaminazione alimentare dopo il suo Gran Premio in Malesia, ma il Tas non ha fatto sconti.

Andrea Iannone (ANSA)
Andrea Iannone (ANSA)

Il pilota di Vasto deve scontare una squalifica di 4 anni che terminerà nel dicembre del 2023. Continua a crederci nel ritorno in pista, si allena costantemente su una Aprilia RSV4, in palestra, con un solo obiettivo: MotoGP o Superbike ha intenzione di rimettersi in gioco dalla stagione 2024 e riprendersi ciò che gli è stato strappato via un po’ bruscamente.

Iannone pianifica il ritorno in pista

Tra pochi giorni festeggerà il suo 33° compleanno, gli anni iniziano a farsi sentire per Andrea Iannone, non più giovane per una classe regina che scommette sempre più sui talenti poco più che maggiorenni. “Tornerò a correre. Non so dove, come e quando, ma lo assicuro: non riesco ancora a riempire la mia vita con altre cose che non siano la moto o la velocità”, ha ammesso in una intervista rilasciata a ‘La Gazzetta dello Sport’.

Nessuna intenzione di accontentarsi di un ruolo da collaudatore: l’ex pilota MotoGP vuole essere protagonista, contendersi le posizioni, ambire al podio e alla vittoria. Ma si ritiene abbastanza pronto per il confronto, dopo tre stagioni senza corse? “Mi diverto e mi sento veloce per i riferimenti che ho, ma serve il confronto con altri piloti. Ho però tanta rabbia e una voglia smisurata a spingermi”.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Andrea Iannone è rimasto legati ai colori Aprilia, dopo che la Casa veneta ha atteso e seguito la sua vicenda processuale fino all’ultimo giorno della sentenza finale. A quel punto ha dovuto ripiegare su Lorenzo Savadori per sostituire la sua punta di diamante. Il 2022 potrebbe essere l’anno della consacrazione per la formazione di Noale… “Sono contento per loro: vuol dire che la mia scelta sarebbe stata azzeccata, mentre tutti pensavano il contrario”. Adesso serve ancora pazienza e lavoro, ma il pilota abruzzese rassicura tutti i suoi fan: “Vi garantisco che sono focalizzato su una cosa sola: tornare a correre. E lo farò”.