Bagnaia, l’ex pilota usa parole forti contro di lui: fan a bocca aperta

L’ex pilota torna sulla disavventura capitata a Pecco Bagnaia, fermato in Spagna per guida in stato di ebbrezza.

Ha sicuramente deciso di festeggiare nel modo sbagliato, dopo aver eguagliato Valentino Rossi ed essere entrato nella storia, Francesco Bagnaia, il pilota classe ’97 della Ducati. Pochi giorni fa, il ragazzo, per tutti Pecco, ha infatti avuto un incidente, per fortuna senza conseguenze, ad Ibiza. Il ragazzo di Torino però, guidava in stato di ebbrezza.

Pecco Bagnaia (Ansa Foto)
Pecco Bagnaia (Ansa Foto)

Un test alcolemico che lo ha visto salire ben oltre il limite consentito dalle autorità spagnole, ed un incidente con la propria auto. Nessuno coinvolto, nessuna ferita, ma c’è l’immagine del pilota, che ora di certo non ci fa bella figura, da personaggio conosciuto e sportivo, a cui sarebbero state trovate tracce di alcool nel sangue, con punteggio di 0,87 mg/L mentre il limite consentito è 0,5 mg/L.

Pecco Bagnaia e le bizze alla guida

Tra gli argomenti toccati nel podcast di Crash.net, l’ex pilota, Keith Huewen, ha inserito proprio l’episodio accaduto lo scorso 5 luglio, al centauro piemontese. Il sessantacinquenne inglese, inizialmente, non l’ha toccata per niente piano: “Mi viene in mente solo una parola: idiota! E si sentirà come un idiota. – ha affermato l’ex pilota – Posso fare paragoni con il passato, come faccio spesso, ma ora viviamo in un mondo diverso e lui non avrebbe mai dovuto mettersi in quella posizione”.

Lui ricorda di non esser mai stato sorpreso a guidare dopo aver bevuto, perché al momento giusto, capiva di lasciare l’auto dov’era, se aveva alzato un po’ troppo il gomito. Però, di piloti che in passato dimostravano di non essere certo in gran forma dopo una notte di bagordi, ce ne sono stati anche in passato: “Anche in pista, c’è una gran quantità di storie che ho di piloti famosi che esageravano il venerdì sera, poi si qualificavano di sabato e correvano di domenica”, dice Huewen, dicendo però che quelli erano sicuramente altri tempi e che ora c’è più informazione su cosa quel tipo di guida, potrebbe comportare.

All’ex Honda, non va proprio giù quello che ha fatto Bagnaia, e ricorda: “La guida in stato di ebbrezza non va bene. In effetti, tra tutte le cose che sembrano essere politicamente corrette nel mondo di oggi, e molte di queste non mi piacciono, questa è quella in cui penso che sia giusto essere davvero severi. Perché causa così tanto dolore a così tante persone inutilmente“. 

L’ex pilota si riferisce infatti alla possibilità di scontrarsi in un incidente con qualcuno e magari lasciare una famiglia, senza una persona cara. Cosa che ovviamente e per fortuna, non è accaduta a Bagnaia. Dopo la lunga strigliata però, il classe ’56 dice con sicurezza: “È semplicemente stupido, davvero. Non sarebbe dovuto accadere, ma non credo nemmeno che accadrà mai, mai più“.