MotoGP, Marc Marquez ricorda il passato: parole sconvolgenti

Marquez torna a commentare la sua situazione dopo il GP in Francia: conferma di non essere soddisfatto e di dover fare cambiamenti.

Le aspettative di Marc Marquez per il campionato MotoGP 2022 erano abbastanza elevate. Il desiderio era quello di tornare a lottare per podi, vittorie e titolo. Ma in questo inizio di stagione, condizionato anche dai problemi fisici, non ha ottenuto i risultati sperati.

Marc Marquez (Ansa Foto)
Marc Marquez (Ansa Foto)

L’otto volte campione del mondo non ha conseguito piazzamenti disastrosi, ha sempre chiuso le gare in top 6. Se non avesse dovuto saltare Indonesia e Argentina avrebbe meno dei 48 punti di ritardo che ha adesso rispetto al leader della classifica generale Fabio Quartararo.

Senza dimenticare che ad Austin è stato un problema alla sua Honda a impedirgli di conquistare una posizione migliore della sesta. Senza quella partenza disastrosa dovuta a un momentaneo guaio della sua RC213V, probabilmente lo avremmo visto sul podio. La situazione in classifica poteva essere decisamente migliore, ma con i se non si fa la storia.

MotoGP, Marc Marquez costretto a cambiare stile di guida

Dopo la gara di Le Mans, conclusa al sesto posto, Marquez ha fatto un paragone con quella di Jerez (quarto al traguardo): “Mi sono divertito di più a Jerez, perché ho davvero lottato e rischiato. A Le Mans l’ho fatto solo nel primo giro, poi mi sono detto che quella era la mia posizione. In Spagna ho avuto buon feeling, in Francia no e avevo alte chance di cadere”.

Il pilota di Cervera ha anche ammesso che prendendo qualche rischio più forse avrebbe potuto arrivare davanti a Johann Zarco, giunto quinto, ma si trattava di una sola posizione e dunque ha preferito non rischiare. Il problema vero è che i migliori sono stati molto più veloci.

Certamente ora Marc sta affrontando una situazione alla quale non era abituato, è costretto ad essere molto razionale in certi casi e a non esagerare: “Quest’anno sono arrivato sesto, quinto o quarto; tre anni fa era impensabile. Ora sono troppo lontano per correrei dei rischi, è più facile accettare la posizione in tale situazione”.

Il rider spagnolo deve adattarsi a uno scenario decisamente nuovo e anche a una moto nuova, visto che la Honda ha portato in pista una RC213V rivoluzionata rispetto agli anni scorsi: “A livello di guida non vivo il mio momento migliore, in passato guidavo molto meglio. Ora guido in modo diverso, strano, e mi ci sto abituando. Spesso mi trovo a dover seguire un pilota in prova per fare il giro e poi in gara non ho ritmo”.

Marquez sta provando ad adattarsi alla Honda 2022, che fin dall’inizio gli ha dato sensazioni differenti da quelle alle quali era abituato. Non può più utilizzare completamente lo stile di guida che lo ha caratterizzato per tanti anni, è costretto ad apportare delle modifiche. Lui e il team sono al lavoro per trovare il corretto compromesso. Serve tempo ed è necessario anche che lui sia al 100% fisicamente.