Bastianini, addio alla Ducati? Il leader del mondiale gela il suo manager

Enea Bastianini non esclude nulla per il futuro, dopo che Carlo Pernat aveva detto che avrebbe gareggiato sempre con un team italiano.

La MotoGP targata 2022 non ha ancora un padrone ben preciso, ma uno dei rider che potrebbe rivelarsi un serio pretendente a questo ruolo è sicuramente Enea Bastianini. Il riminese è il primo ad essere riuscito ad imporsi in due appuntamenti, dopo che le prime tre tappe avevano visto trionfare tre diversi piloti.

Bastianini (LaPresse)
Bastianini (LaPresse)

Bastianini ha gareggiato da fenomeno in Qatar, portando al trionfo la Ducati del Gresini Racing. Nelle mani di Enea, la vecchia GP21 continua a far mangiare la polvere alle nuove Rosse, che ad Austin si sono dovute accontentare di un podio. Il “Bestia” si è liberato di Jack Miller negli ultimi giri del Gran Premio delle Americhe, ottenendo la seconda affermazione in top class della sua carriera e tornando in testa al campionato.

Al termine della gara, Carlo Pernat era stato molto diretto riguardo al futuro del suo pupillo: “Vedendo come si comporta in pista e come riesce a portare al limite la moto, mi pare di vedere un veterano, sembra che corra in questa categoria da cinque o sei anni. Enea non andrà mai alla Honda nel suo futuro, dal momento che lo aveva già fatto in Moto3 e stava quasi smettendo di essere un pilota“.

Lo storico manager non le ha mandate a dire, inviando anche una discreta frecciata ai team iberici: “Ha avuto quella pessima esperienza e in Honda quindi non ci andrà di sicuro nei prossimi anni. Gli spagnoli non possono gestire gli italiani. A me piace dire la verità e sono molto diretto quando parlo di queste cose“.

Il futuro non è ancora scritto, ma per il leader del campionato non stanno trapelando buone notizie nelle ultime ore. Stando alle indiscrezioni, la Ducati potrebbe aver già scelto il pilota del futuro per il proprio team ufficiale, e corrisponde al nome di Jorge Martin, che nel 2023 andrebbe a rimpiazzare Miller. Per Enea, si tratterebbe di un vero e proprio colpo basso considerando il livello di guida che sta esprimendo.

Bastianini, mazzata a Carlo Pernat

Enea Bastianini non è apparso troppo d’accordo con quanto affermato da Carlo Pernat, ed ai microfoni di “SKY Sport” ha rivelato: “Futuro in Honda? Al momento, non me la sento di escludere nulla, anzi, credo che gli spagnoli mi abbiano fatto crescere e con il team Monlau ed i rapporti sono rimasti più che buoni tra di noi“.

La Ducati sta credendo molto in me e mi ha messo nella condizione di poter far molto bene, la mia moto non è molto distante dalla GP22, sono contento di dove mi trovo. Ad un certo punto dovremo parlare di futuro, è ovvio, allora si vedrà, ora mi trovo nella condizione migliore e voglio pensare solo al presente, a fare delle belle gare e a godermi insieme al team la testa della classifica“.

Bastianini, dunque, vuole tenersi più porte aperte, ma le sue qualità sono ormai evidentemente impossibili da sottovalutare. Tutta la MotoGP è stata travolta dall’uragano del “Bestia” in questa prima parte di stagione, un pilota che sta correndo con l’esperienza degna di un veterano, come giustamente sottolineato da Pernat in persona.

Proprio come a Losail, anche ad Austin il giovane fenomeno ha atteso buona parte della gara prima di effettuare la manovra decisiva per salire in cattedra. Un mese fa fu la Honda di Pol Espargaró la vittima, mentre poche ore fa è toccato alla Ducati ufficiale di Jack Miller. Ovviamente, nei prossimi mesi si inizierà a parlare di quello che sarà il rapporto tra la casa di Borgo Panigale ed il rider riminese, per il quale sembrano chiuse le porte del team ufficiale.