Wolff getta ombre sul futuro di Hamilton: “Spero continui a correre”

Il team principal Mercedes lascia intendere in conferenza stampa che Hamilton, per la delusione, potrebbe dire anche basta con la F1

Toto Wolff con Lewis Hamilton (foto di Dan Istitene/Getty Images)
Toto Wolff con Lewis Hamilton (foto di Dan Istitene/Getty Images)

Niente ricorso contro l’esito del Mondiale 2021, ma tanta amarezza e rabbia in casa Mercedes per quanto accaduto nell’atto finale di Abu Dhabi. Un finale che brucia ancora e che potrebbe lasciare una ferita profonda all’interno del paddock della F1. E non solo tra Mercedes e FIA ma anche in Lewis Hamilton.

Già da diversi giorni sta circolando la notizia all’interno del mondo della F1 che il sette volte campione del mondo possa appendere il casco al chiodo, proprio per quanto accaduto domenica sul circuito di Yas Marina. Un modo per ribadire quanto sia venuta meno la fiducia nei confronti della FIA. E il team principal Mercedes, Toto Wolff, con le parole pronunciate ieri, non ha fatto che alimentare queste voci.

Il destino incerto di Hamilton secondo Wolff

Spero vivamente che Lewis continui a correre perché è il più grande pilota di tutti i tempi“, ha detto. “Nelle ultime quattro gare è stato dominante, non c’era nemmeno un dubbio su chi potesse vincere la gara. E questo era degno di un titolo. Penso che come pilota il suo cuore gli suggerisca di continuare perché è all’apice della carriera, ma dobbiamo superare il dolore che gli è stato inflitto domenica, anche perché è un uomo con valori chiari ed è difficile capire che è successo”.

Poi Wolff ha aggiunto: “Sia io che Lewis siamo disillusi al momento. Non con la Formula 1, che amiamo alla follia, perché il cronometro non mente mai. Tuttavia, se rompiamo quel principio fondamentale di correttezza sportiva e autenticità dello sport, allora improvvisamente il cronometro non diventa più rilevante: diventiamo esposti a un processo decisionale casuale, e allora è chiaro che ci si possa disinnamorare. Domenica abbiamo capito che tutto il sudore, le lacrime e il sangue che abbiamo speso in questa stagione può essere portato via a caso. Ci vorrà molto tempo per digerire quello che è successo domenica, non credo che lo supereremo mai. Non è possibile, non da pilota certamente. Molti dei valori e delle convinzioni in cui crediamo sono stati presi a calci domenica“.

Il pensiero di Verstappen

Proprio dal Gala di Parigi della FIA, in merito a un possibile addio di Hamilton alla F1 è intervenuto il neo campione del mondo Max Verstappen, che però ha provato a sminuire la portata della vicenda: “Posso capire che i primi giorni, dopo una gara del genere, non sei felice. Ma queste sono le corse e questo genere di cose può accadere. Lewis dovrebbe guardare tutto ciò che ha ottenuto e questo dovrebbe consolarlo e dargli la spinta per andare avanti. Non ha alcun motivo valido per ritirarsi adesso, può ancora vincere l’ottavo mondiale, può provarci già nel 2022. Non sono dispiaciuto per lui, ma capisco il suo stato d’animo. Le corse sono così, si lotta fino alla fine consci che può accadere di tutto. Lewis ha vinto anche un mondiale così, dovrebbe saperlo“.

LEGGI ANCHE —> Mercedes assente alla premiazione di Verstappen: Todt non la prende bene

Lewis Hamilton con Verstappen ad Abu Dhabi (foto di Mark Thompson/Getty Images)
Lewis Hamilton con Verstappen ad Abu Dhabi (foto di Mark Thompson/Getty Images)