Horner convinto: “Noi meglio di Mercedes. Ci meritiamo almeno un titolo”

Continua la sfida a parole tra Mercedes e Red Bull. Il boss del team austriaco Horner reclama almeno una coppa.

Christian Horner, Red Bull (©Getty Images)

Questa volta a Christian Horner non si può dare torto. Se si guardano i tanti progressi fatti durante l’inverno e non solo, la Red Bull meriterebbe sì un riconoscimento. Il telaio della RB16B si è confermato nuovamente il più valido del lotto, il motore Honda in crescita, il pilota di punta Verstappen molto più maturo rispetto al passato e una seconda guida Perez, costante e capace di portare a casa punti pensati. Tutti elementi che sommati dovrebbero portare a qualcosa di pesante.

Se poi si verificherà è tutto da vedere, nel frattempo il team principal energetico non si è fatto problemi a sostenere di ritenere il proprio gruppo migliore di quello Mercedes. “Noi abbiamo vinto più gare, inoltre nessuno nell’era ibrida aveva portato i tedeschi a giocarsi entrambe le coppe ad Abu Dhabi. Conquistare anche solo uno dei due campionati in palio per noi sarebbe un risultato straordinario”, il suo commento.

Un’arma nascosta nel propulsore?

E la motivazione di Milton Kynes di raggiungere l’obiettivo è talmente elevata che secondo il talent scout Helmut Marko, il geniale progettista Adrian Newey potrebbe trovare qualche trucchetto per spremere ulteriormente la PU di Sakura per la volata finale. Secondo il manager austriaco il carattere del tecnico britannico, da sempre orientato alla vittoria, rappresenterà il vero punto di forza della squadra.

“Non appena intravede delle chance si sente spronato molto di più che se sa di avere del materiale non competitivo”, ha spiegato il 78enne. “Non c’è nessuno in attività che abbia conquistato più mondiali di lui, specialmente ci è riuscito con equipe diverse. Questo è un aiuto per tutti gli altri ingegneri che si sento spinti a dare il 100%”.

Al momento Max occupa la prima posizione nella classifica conduttori con 8 punti di vantaggio su Hamilton, mentre tra le marche le Frecce Nere sono in vetta con un margine di appena 5 lunghezze.

Christian Horner ed Helmut Marko (©Getty Images)

Chiara Rainis