Bentornato Andrea Dovizioso! Ecco le sue prime parole da pilota Yamaha

Arriva il momento dell’esordio di Andrea Dovizioso con il team Yamaha Petronas SRT. Domani sarà in pista per le libere a Misano.

Andrea Dovizioso (foto Petronas SRT)

Il giorno dell’esordio è arrivato per Andrea Dovizioso che domani salirà in sella alla Yamaha M1 del team Petronas SRT. Ha firmato un contratto con la Casa di Iwata fino al termine del 2022 e sfrutterà le prossime cinque gare per prendere le misure alla sua nuova moto. Già ad Aragon ha potuto effettuare delle prove di ergonomia con la moto spenta, nelle FP1 partirà quindi con un piccolo vantaggio, nonostante non abbia mai effettuato un test.

Le dichiarazioni ufficiali

Dovizioso si unirà alla squadra malese come compagno di squadra di Valentino Rossi per il resto della stagione 2021. A sua disposizione una YZR-M1 del 2019, dal prossimo anno una moto factory. “Siamo assolutamente entusiasti della decisione collettiva tra Yamaha e Petronas di accogliere Andrea Dovizioso da questa gara in poi fino alla fine dell’anno – ha detto Razlan Razali -. Chiaramente è un pilota estremamente talentuoso e molto apprezzato, e siamo entusiasti di rivederlo nel paddock della MotoGP dopo il suo anno sabbatico e indossando i nostri colori. Siamo felici della formazione di Dovi al fianco di Valentino e di avere due eroi nella corsa di casa a Misano questo fine settimana”.

Un’operazione possibile grazie al passaggio di Franco Morbidelli nel team Yamaha ufficiale dopo l’addio di Maverick Vinales. Il forlivese non può essere entusiasta di questo decisivo momento nella sua carriera, forse l’ultimo prima di congedarsi dalle corse. “Anche se non mi aspettavo di tornare in MotoGP così, non ho mai chiuso la porta ed è bello essere qui con Yamaha e Petronas. Volevo provare a godermi una nuova situazione e sono davvero felice di essere tornato. Sarà interessante essere su una moto completamente diversa da quella che ho guidato prima e non vedo l’ora di fare questa esperienza… Avrò bisogno di scendere in pista per capire i dettagli e sarebbe stato meglio fare un test prima di lanciarmi in gara, ma parto senza pressioni e sarà bellissimo partire a Misano per le ultime cinque gare della stagione.

Andrea Dovizioso e i vertici Yamaha