Il dolore è troppo forte: il fratello di Dupasquier lascia il motociclismo

Bryan Dupasquier, fratello minore di quel Jason Dupasquier vittima dell’incidente fatale al Mugello, abbandona anche lui il motociclismo

Jason Dupasquier
Jason Dupasquier (Foto PruestelGP)

Difficile trovare un senso a continuare la propria carriera nel motociclismo, quando le due ruote, che pure sono state una parte importante della tua vita, ti hanno portato via crudelmente un fratello all’età di appena diciannove anni.

Bryan Dupasquier, fratello minore di quel Jason Dupasquier tragicamente scomparso a seguito del fatale incidente nelle qualifiche dell’ultimo Gran Premio del Mugello in Moto3, ha provato a tenere viva la sua passione, ma alla fine non ce l’ha proprio fatta.

Il dolore era troppo forte e, complice anche un piccolo infortunio che lo aveva riguardato nelle ultime settimane, ha deciso di dire basta e di appendere il proverbiale casco al chiodo. Nonostante avesse solamente sedici anni e fosse ritenuto un talento promettente, così come il suo fratellone.

Bryan Dupasquier comunica l’addio alle corse

“Ciao a tutti, voglio farvi conoscere la mia decisione”, ha scritto Bryan in una laconica quanto lapidaria storia sul suo profilo ufficiale di Instagram. “Ho deciso di lasciare il mondo del motociclismo, a seguito dell’incidente di mio fratello e per un’altra ragione. Vi chiedo di non fare commenti sulla mia decisione a parte queste mie parole”.

Con la comprensibile e rispettabile richiesta del silenzio, dunque, Bryan si congeda dalle moto, che lo avevano visto prendere parte quest’anno alla Northern Talent Cup. Dupasquier Jr non era solamente molto legato al fratello di cui aveva seguito le orme, ma aveva anche lui le corse nel sangue, essendo figlio di un campione di motocross, Philippe Dupasquier.

Andare avanti, però, stavolta era veramente impossibile. E così, seppur con prevedibile dispiacere, Bryan Dupasquier ha fatto l’unica scelta che avesse senso fare.

Jason Dupasquier (foto Facebook)

LEGGI ANCHE —> Dupasquier, l’ultimo omaggio del Motomondiale al giovane pilota morto