La Red Bull non abbandonerà lo sviluppo: “Verstappen deve vincere”

Sarà lotta in pista e nel dietro le quinte tra Mercedes e Red Bull nel 2021. E Marko cerca di rassicurare Verstappen.

Max Verstappen (Getty Images)
Max Verstappen (Getty Images)

e l’uccisione dell’arciduca Francesco Ferdinando da parte di Gavrilo Princip è stata la scintilla per la Grande Guerra, così l’ingaggio dell’ex responsabile del powertrain Mercedes Ben Hodgkinson in Red Bull, ha fatto scoppiare un conflitto ancora pungente tra i due marchi, parallelo a quello che stanno vivendo sui tracciati del mondiale.

La Stella non avrebbe per nulla gradito l’acquisto della scuderia rivale volto ad arricchire il nuovissimo dipartimento dedicato ai motori di Milton Keynes e si sarebbe data da fare per posticipare il più possibile la fuoriuscita del tecnico legato a Stoccarda da circa un ventennio per evitagli un benefit e il lavoro facilitato. Ma se sullo sfondo si sta svolgendo una battaglia a suon di punzecchiature tra “scippi” di membri del personale e svelamenti di possibili liaison tecniche per il futuro, quella in pista tra Hamilton e Verstappen non è meno accesa.

Un treno da prendere per Mad Max

Sebbene al momento la Stella continui a sembrare la favorita e Lewis svetti ancora in cima alla classifica con otto punti di vantaggio sull’olandese,  l’equipe energetica avrebbe deciso di dare il tutto per tutto per non perdere il treno della vittoria iridata già nel 2021, per chiudere al meglio la prima era ibrida.

Ancora una volta, quindi, il talent scout Helmut Marko ha ribadito che il team proseguirà a sviluppare l’auto ancora a lungo.

“Continueremo fino all’estate, poi a seconda della generale ci regoleremo. Ma non possiamo fare a Max il torto di interromperci proprio adesso che per la prima volta dopo tanto tempo ha tra le mani una monoposto in grado di battersi per il titolo”, ha analizzato l’austriaco sostenuto anche dal boss Christian Horner che ha svelato come al momento in squadra si stiano ancora cercando di capire i punti deboli e quelli di forza di una RB16B destinata a dar molto fastidio alla W12.

Il plenipotenziario della Red Bull, Helmut Marko
Il plenipotenziario della Red Bull, Helmut Marko (Foto Dan Istitene – Formula 1/Formula 1 via Getty Images)

Chiara Rainis