Verstappen all’attacco: “Red Bull ormai vicina a Mercedes”

Ad una settimana dal via della stagione 2021 Verstappen prevede un duello ravvicinato con la Mercedes, ora non più un miraggio.

Max Verstappen (©Getty Images)

Magari sarà stata tutta tattica e sabato 27 marzo Hamilton e Bottas monopolizzeranno ancora una volta la prima fila dello schieramento del GP del Bahrain, andando poi a contendersi il successo alla domenica. Per adesso però, la sensazione del paddock è che pur partendo da favorita la Mercedes potrebbe non essere più imbattibile come prima. Questo ovviamente tutto a beneficio della Red Bull, unica vera rivale del team nelle ultime due stagioni.  Che il 2021 possa essere davvero l’anno di Max Verstappen per la grande gioia del talent scout energetico Helmut Marko?

L’attento 77enne sembra crederci, mentre per quanto riguarda l’olandese, pur palesando un certo ottimismo, l’approccio è nettamente più cauto.

Le Frecce Nere hanno bluffato?

Secondo il #33 le difficoltà mostrate da entrambe le W12 sarebbe tutta scena per mascherare il loro vero livello di competitività ed arrivare al primo round stagionale senza i riflettori puntati addosso.

“Sono forti. Basta analizzare i loro dati”, ha dichiarato a Ziggo Sport mostrando di aver studiato con attenzione il lavoro svolto dalla scuderia avversaria. “Fanno un primo giro veloce con meno potenza, poi due tornate tranquilli e quindi un secondo lanciato in cui guadagnano mezzo secondo sulla potenza del motore”.

Insomma per il 23enne non esisterebbero quei problemi strutturali e legati all’aerodinamica di cui ha parlato Ralf Schumacher di recente.

“Forse non hanno trovato il giusto assetto durante la prima giornata, ma nell’ultima la macchina sembrava già molto più stabile”, ha considerato smontando ogni tesi allarmistica.

A differenza degli ultimi campionati, secondo Mad Max, quello di quest’anno sarà comunque molto più combattuto e incerto, con l’inserimento nella battaglia anche della McLaren, cresciuta in maniera importante tra il 2020 e l’inverno e ormai candidata numero uno al podio.

Red Bull (©Getty Images)

Chiara Rainis