Leclerc svela: “Perché la Ferrari si è fermata”. Sainz: “È troppo presto”

I commenti dei due piloti della Ferrari, Charles Leclerc e Carlos Sainz, dopo il primo giorno di test F1 in Bahrain con la SF21

La Ferrari di Charles Leclerc si ferma a bordo pista nei test F1 a Sakhir, in Bahrain
La Ferrari di Charles Leclerc si ferma a bordo pista nei test F1 a Sakhir, in Bahrain (Foto Twitter/F1)

La prima giornata di test F1 in Bahrain regala riscontri positivi alla Ferrari, ma anche la prima battuta d’arresto. Quando si avvicinava la conclusione della sessione mattutina, infatti, Charles Leclerc, a cui era stato affidato il compito di portare al debutto la nuova SF21, è stato costretto a parcheggiarla a lato della pista.

I motivi li spiega lo stesso Piccolo principe a fine giornata: “I dati in nostro possesso chiariscono che si è trattato di una piccola anomalia alla combustione”, rivela il monegasco. “Abbiamo deciso di fermare la macchina solo a scopo precauzionale. Per fortuna mancavano solo dieci minuti al termine del turno, quindi questo problema non ci ha fatto perdere troppo tempo”.

Questo piccolo inconveniente a parte, però, Leclerc promuove l’ultima nata del Cavallino rampante dopo questa giornata di esordio: “Le condizioni erano molto difficili, faceva caldo e si scivolava, ma penso che sia andata abbastanza bene. La sensazione per ora è positiva e abbiamo riscontrato una buona correlazione tra i dati al simulatore e quelli in pista: questo è importante”.

Soddisfazione per i primi km della Ferrari SF21

Gli fa eco il suo compagno di squadra Carlos Sainz, che ha raccolto il testimone nel pomeriggio: “In generale penso che oggi la prima giornata di test sia stata positiva. L’obiettivo era completare il programma e lo abbiamo fatto: di questo sono felice”. Lo spagnolo ha chiuso la giornata al quinto tempo, staccato di un secondo dal leader Max Verstappen, mentre Leclerc si è fermato all’undicesimo. Ma i dati cronometrici, per ora, contano veramente poco.

“Tutti stiamo cercando di scoprire le prestazioni di ogni vettura, ma è ancora davvero troppo presto per riuscirci”, conferma Carlos. “Soprattutto in queste condizioni, con tanta sabbia, vento e cambi di temperatura. Tutto sommato possiamo considerarla una buona giornata”.

LEGGI ANCHE —> F1 test Bahrain, giorno 1: la Ferrari non stupisce neppure al pomeriggio

Charles Leclerc e Carlos Sainz
Charles Leclerc e Carlos Sainz (Foto Mark Thompson/Getty Images)