Ansia per Marc Marquez: c’è lo spettro della quarta operazione

Continua a tenere tutti in ansia Marc Marquez. Lo spagnolo, vittima di un’infezione, potrebbe essere costretto a un quarto intervento.

Marc Marquez in conferenza stampa (Getty Images)
Marc Marquez in conferenza stampa (Getty Images)

Marc Marquez non sembra avere pace in questo terribile 2020. Il rider spagnolo, dopo la frattura dell’omero rimediata lo scorso 19 luglio a Jerez, era tornato subito in pista la settimana successiva, dopo il primo intervento, rimediando un peggioramento delle proprie condizioni. Quel gesto avventato lo ha poi portato ad una nuova operazione.

In questi mesi si è spesso parlato di un terzo intervento, che poi è diventato effettivo poche settimane fa quando il pilota della Honda si è recato a Madrid per una nuova operazione. Nei giorni successivi il suo ricovero in ospedale però si è cominciato a parlare anche di un’infezione.

Marquez potrebbe tornare per la 4a gara del Mondiale

Secondo quanto riportato da il Corriere dello Sport sembra proprio che Marc Marquez in questi giorni si starebbe sottoponendo ad una cura antibiotica per curare l’infezione. Qualora tale cura non dovesse bastare però ci sarebbe per lui addirittura lo spettro di un quarto intervento.

Volendo pensare in positivo però lo spagnolo non salirà in moto almeno sino a fine aprile, inizio maggio. A questo punto, seguendo il calendario provvisorio della MotoGP 2021 ciò vuol dire che Marquez salterebbe almeno i test e i primi tre GP della stagione dove potrebbe accumulare già un decisivo svantaggio nella corsa al titolo.

Il rider della Honda al momento deve essere molto cauto nel suo recupero, già una volta l’aver voluto forzare i tempi gli è costato caro. L’unica notizia positiva al momento è che è parere unanime da parte degli esperti il fatto che Marc, con la giusta calma, ritornerà ad essere quello straordinario campione che abbiamo apprezzato negli ultimi 10 anni.

Antonio Russo

Marc Marquez in pista con la Honda (Getty Images)
Marc Marquez in pista con la Honda (Getty Images)