MotoGP, Cal Crutchlow: “Sono contento che sia finita”

Cal Crutchlow ha chiuso la carriera di pilota a Portimao: “Voglio fare altre cose nella mia vita, sto invecchiando”.

Cal Crutchlow
Cal Crutchlow (getty images)

Cal Crutchlow chiude l’ultima gara da pilota MotoGP con il 13esimo posto in sella alla sua Honda RC213V. Partito dalla quarta finestra in griglia ha mantenuto le posizioni di vertice per metà gara, poi un errore di guida lo ha fatto scivolare ai limiti della zona punti, arrivando al traguardo con un ritardo di 19.159 secondi dal vincitore Miguel Oliveira. “Ho dato tutto in gara, non potevo chiedere di più a me stesso”, ha detto Crutchlow. “Ma ovviamente sono deluso dal risultato. La gomma posteriore si è deteriorata notevolmente, probabilmente a causa della regolazione dell’elettronica. Forse avevo regolato troppo poco il controllo di trazione all’inizio della gara… Ad essere onesto, sono contento che sia finita. Ho finito. Ho iniziato la mia carriera con una caduta, avrei potuto facilmente finirla in quel modo. Nonostante i miei infortuni quest’anno, ho giocato la stagione. È stato bello fare dei bei combattimenti con alcuni dei migliori piloti del mondo alla fine”.

Il “vecchio” Crutchlow diventa collaudatore

Dal prossimo anno il pilota di Coventry vestirà i panni del collaudatore Yamaha, un nuovo capitolo della sua lunga carriera che gli consentirà di rischiare meno, restare più tempo con la famiglia, ma senza troppo allontanarsi dal mondo delle corse. “Penso di aver vinto gare in tutti i campionati in cui ho gareggiato”, ha detto il Campione del Mondo Supersport 2009. “Non era possibile di più con il mio talento. È stata la mia determinazione a farmi muovere, non ero il più talentuoso. Ho sempre detto che quando mi mancasse la motivazione, mi sarei fermato. Mi alzavo ogni mattina, salivo sulla mia macchina motivato e mi allenavo duramente. Ma non potevo più guidare al livello che avrei voluto. Sono ancora veloce, ma mi piace anche stare a casa e voglio fare altre cose nella mia vita. Ora sta volgendo al termine, ma sarò ancora attivamente coinvolto con Yamaha. Sono felice quando posso guardare le gare da casa, senza tutti i viaggi e lo stress. Adesso suona come se mi stessi lamentando. Ma invecchiando diventa più difficile. Mi sono divertito molto – ha concluso Cal Crutchlow – e ho fatto una bella carriera”.

Cal Crutchlow sulla Honda Lcr al Gran Premio del Portogallo di MotoGP 2020 a Portimao (Foto Mirco Lazzari gp/Getty Images)
Cal Crutchlow sulla Honda Lcr al Gran Premio del Portogallo di MotoGP 2020 a Portimao (Foto Mirco Lazzari gp/Getty Images)