Marc Marquez vicino al ritiro? Arriva l’amara confessione

Alla vigilia del GP di Le Mans Marc Marquez si confessa in un’intervista a ‘L’Equipe’: gli infortuni e i problemi con la Honda RCV.

Marc Marquez sta uscendo da uno dei periodi più difficili della sua vita professionale e privata. Prima l’infortunio di Jerez nel luglio 2020, stroncando la stagione appena iniziata con una frattura all’omero che ha richiesto tre operazioni chirurgiche al braccio destro. Rientrato in pista a distanza di quasi un anno, nel novembre 2021 ha riportato un’altra caduta in allenamento e ha dovuto fare i conti con la diplopia, ripresentatasi dopo l’incidente nel warm up di Mandalika.

Marc Marquez (Ansa)
Marc Marquez (Ansa)

Il fuoriclasse della Honda vuole ritornare ad essere il campione di una volta, pur consapevole che le condizioni fisiche e tecniche non sono più le stesse. Infatti il braccio destro causa ancora qualche problema nei finali di week-end e ogni caduta è uno spavento per la vista. “Devo lavorare sulla mia guida con un braccio che non è più lo stesso, costringendomi a usare di più le gambe per controllare la moto. E so che devo evitare un nuovo colpo alla testa per evitare possibili problemi alla vista”.

Marquez cerca la sua strada

Nonostante le premesse siano difficili Marc Marquez non ha certo perso la voglia di lottare per la vittoria e per il Mondiale. Accetta il rischio e una volta salito in moto dimentica ogni titubanza, come ha dimostrato a più riprese nel corso di questo campionato, come ad Austin, a Portimao e Jerez. Eppure non sono mancati dei momenti di sconforto, in cui ha persino pensato di smettere, soprattutto dopo l’ultimo incidente in Indonesia. “Ci sono stati momenti in cui ho pensato di smettere – ammette a ‘L’Equipe’ -. Ci ho pensato l’anno scorso, quando mi è stato difficile ritornare in primavera, e quest’anno dopo la caduta a Mandalika che mi ha risvegliato il problema della vista”.

Prendere uno stop ancora più prolungato avrebbe sgualcito la sua stoffa di campione, meglio andare avanti anche se in condizioni non al top. “E’ vero che fisicamente non sono più lo stesso, ma il mio livello è ancora accettabile”. A volte prova a chiedersi se ne valga la pena… “Ma finora la risposta è sempre stata sì”. Se fino al 2019 lo stimolo più grande era la vittoria, ora Marc Marquez ha cambiato filosofia: “Ciò che mi motiva è più la sfida di trovare un modo per andare veloce. Lavorare con il mio team per trovare soluzioni ai miei problemi sulla moto”.

Infine c’è da fare i conti con una moto che è cambiata parecchio durante lo scorso inverno e non tutte le innovazioni hanno portato a qualcosa di buono. Manca feeling con l’avantreno, per questo il fenomeno di Cervera sta cercando di apportare delle modifiche per far calzare a pennello la sua Honda RCV. “Da inizio anno noi quattro abbiamo usato più o meno lo stesso assetto. Dobbiamo esplorare altre direzioni. “Questa nuova moto è fatta per uno stile diverso, non posso sfruttare il mio potenziale”.